MAURIZIO D’ANDREA, DALLA SPLENDIDA NAPOLI ALLA SCINTILLANTE NEW YORK CON LE SUE STRAORDINARIE OPERE D’ARTE

MAURIZIO D’ANDREA, DALLA SPLENDIDA NAPOLI ALLA SCINTILLANTE NEW YORK CON LE SUE STRAORDINARIE OPERE D’ARTE

Oggi siamo con il pittore Maurizio D’Andrea, residente ad Alba (CN) con molti anni di successi alle spalle e che a breve esporrà nella città che non dorme mai, New York: un autentico sogno americano che si realizza.

Chi è Maurizio D’Andrea e come nasce la passione per la pittura?

Maurizio D’Andrea nasce ai piedi del Vesuvio con uno sguardo verso il mare ed un altro verso il vulcano. Si laurea in Scienze geologiche con una tesi
proprio sulle eruzioni esplosive. Sin da piccolo manifesta una spiccata creatività che lo spinge a scrivere poesie, canzonette e persino una commedia. Si esibisce in diversi locali presentando le sue macchiette e le sue creazioni. I primi lavori di pittura ad olio iniziarono nell’adolescenza e dopo una prima fase di raffigurazione realistica dei paesaggi, D’Andrea passa ad un approccio più astratto, indagando il dialogo tra ragione ed inconscio. Le sue visioni creavano paesaggi dell’anima diventando poesia nell’occhio di chi guardava. La pittura rappresentava per l’artista una sorta di catarsi, di purificazione dalle contraddizioni dell’anima ma anche un messaggio di speranza per affrancarsi dalle paure quotidiane. Gesti istintuali, scatti nervosi, impulsi, oscillazione del corpo rendono la sua pittura forte ed espressiva. Ogni opera è un urlo della psiche, del suo inconscio inquieto.  I suoi  lavori possono essere inquadrati nel campo del romanticismo soggettivo e dell’astrattismo lirico-informale. Non escludono nemmeno una percezione simbolica del reale. 
Cerchi simbolici prendono forma in tante sue opere e rappresentano per l’artista il suo occhio che guarda, che segue lo spettatore e gli indica una via di fuga per affrancarsi dalle sofferenze. Paesaggi interiori romantici vengono inseriti con forza nel mondo naturale che rappresenta il suo  palcoscenico visivo. Il tutto in un movimento continuo che scuote le anime e converge sull’intimità più profonda.

Dopo aver esposto i suoi dipinti nelle maggiori città italiane in mostre collettive e personali con notevole successo, come la mostra personale che si è svolta a dicembre 2019 nella prestigiosa Chiesa di San Domenico ad Alba (Cn), Maurizio D’Andrea passa a palcoscenici internazionali fino ad approdare in una delle gallerie di Manhattan più importanti di New York e molto conosciuta nel mondo: l’Agora Gallery. Dal 1 giugno al 22 giugno la sua arte potrà essere ammirata dal pubblico statunitense, da galleristi e collezioni famosi. Il suo cammino artistico internazionale porterà i suoi quadri a Tokyo, Berlino, Montecarlo, Amsterdam e in Italia in città prestigiose come Padova e Roma. Dal 21 maggio al 15 giugno è possibile vedere la sua arte al Galata Museo del Mare a Genova.  Sarà poi presente dal 25 giugno al 3 ottobre a Cortina d’Ampezzo, negli spazi espositivi del Museo Mario Rimoldi “Casa delle Regole”, per la mostra «Paesaggi d’Italia», curata da Vittorio Sgarbi. Il lavoro creativo di D’Andrea comprende vari campi artistici come pittura, grafica digitale, scultura, arte generativa, fotografia e video arte.

Quali sono i Suoi generi preferiti e cosa cerca di comunicare con le Sue opere?

Maurizio D’Andrea preferisce la pittura astratta. Le sue opere, fortemente espressive, fanno parte di quell’ astrattismo lirico che vede l’arte liberare le proprie emozioni in modo irruento, istintivo, quasi automatico, senza nessun controllo razionale. Le opere rappresentano la raffigurazione del sentire dell’artista nel momento della rappresentazione.
 Sono, molte volte, realizzate velocemente per catturare, senza soste, tutti i meandri dello stato d’animo. Non escludono nemmeno una percezione simbolica del reale e tentativi di elementi figurativi che si integrano perfettamente nel linguaggio pittorico dell’autore

A quali grandi Maestri si rifà e chi L’ha seguita per valorizzare al massimo il Suo talento?

Ha studiato tanto i maestri del passato, la sua arte passa attraverso tanto studio e sperimentazione. Maurizio D’Andrea, è approdato dopo anni di ricerca, a un suo stile personale fatto di gesti, movimenti e tecniche molto particolari. Spesso non usa pennelli, ma straccetti di diversa fattura per dialogare meglio con la tela fino a creare delle vere e proprie “coscienze oniriche artistiche” . Adora l’impressionismo, il cubismo e l’arte astratta.
Lo fa impazzire il coraggio e l’espressionismo astratto di Mark Rothko. Gli piace la potenza espressiva e l’accuratezza dei dettagli del pittore russo Ivan Konstantinovič Ajvazovskij.

Rapporto fra pittura e politica, soprattutto in un periodo difficile come questo

Il  lavoro artistico è molto incentrato sull’indagine interiore, sul rapporto tra ragione e inconscio, sulla creazione di coscienze fantastiche e di mondi dell’animo. Ma molto spesso ha rappresentato sia nei quadri ad acrilico che nell’arte digitale tematiche sociali come il tema dei migranti che muoiono nel mare Mediterraneo, l’emancipazione femminile, il potere degli abbracci, i pericoli dell’intelligenza artificiale, l’alienazione androide, i pericoli dell’inquinamento, la distruzione della natura, il futuro del pianeta, i viaggi nello spazio, il concetto di silenzio in natura. I suoi lavori rappresentano le suddette tematiche con delle proteste violente, più o meno velate, lasciando lo spettatore nudo davanti alla sue opere. Però, nonostante tutto, nella sua arte si rappresenta anche sempre la possibilità di trovare una soluzione, una via di fuga, un orizzonte impossibile ma speranzoso.

La Sua prossima mostra sarà a New York: come nasce il rapporto con gli USA?

Il suo rapporto con gli USA nasce all’improvviso, dopo aver letto una email da parte di una delle Gallerie d’arte di Manhattan più famose di New York e del mondo: l’Agora Gallery. Cercavano proprio il suo talento ed inizialmente l’artista pensava che fosse uno scherzo. Era tutto vero e così è iniziato un lavoro di preparazione che è durato 6 mesi, quasi quotidiano. La scelta dei quadri, degli obiettivi, la presentazione e l’ingresso, in punta di piedi, nel mercato americano. New York è la capitale dell’arte nel mondo e rappresenta per ogni artista un sogno: il sogno americano.

Altre passioni oltre alla pittura…

L’artista, oltre alla pittura,  strimpella la chitarra, l’ukulele, scrive poesie ed ama il blues. Quel blues romantico, ma anche profondo che lui spesso cerca di mettere nelle sue creazioni.

Francesca Rossetti

Francesca Rossetti

Francesca Rossetti

Giornalista iscritta all’albo, attiva nel Sociale e per i diritti umani