LOÏS E L’ABITO – EVOLUZIONE CULTURALE DI UN INDUMENTO

LOÏS E L’ABITO – EVOLUZIONE CULTURALE DI UN INDUMENTO

La moda deve far riflettere e non più solo sognare

“L’originalità sta nell’atteggiamento: dare assoluta priorità alla sensazione interiore, allertare i sensi per vivere meglio il tessuto di un abito e il suo contatto”

Il percorso storico della moda e del costume, altro non è che lo specchio del pensiero umano. Dall’antica Roma al ventesimo secolo, gli abiti rappresentano idee, rivoluzioni e controrivoluzioni.

Lo stile si autoalimenta grazie alla creatività e al genio di maestri sarti e couturier che nel corso dei secoli si sono distinti per la loro innovazione. 

Libertà, coraggio e nessuna intenzione e voglia di piegarsi. Sono prerogative che hanno contraddistinto le grandi icone della moda e che sono strumenti essenziali per i giovani che desiderano raccogliere la loro eredità e i loro insegnamenti.

Per Matilde Di Pumpo l’abito è seduzione, studio, ricerca, innovazione. Senza dimenticare gli strumenti di sartoria che sono il vero anello di congiunzione per ottenere una produzione che mira sempre di più alla perfezione. Perché un abito possa rimanere per sempre nel nostro guardaroba. 

L’evoluzione dell’abito femminile è inestricabilmente legata al contesto socioculturale di ogni periodo: il ruolo e lo status di una donna sono da sempre evidenti nel look e nel portamento, il suo aspetto ha storicamente rappresentato ciò che era: una figura naturale, armoniosa e libera.

Matilde di Pumpo, direttore creativo della maison pugliese LOÏS raccoglie l’eredità dei grandi maestri e attraverso progettazione, analisi, studio e reinterpretazione adotta un concetto diverso dell’utilizzo dell’abito. L’abito per Matilde è una idea ed uno stile di vita che deve essere per la donna che lo indossa uno strumento per raccontare di sé e di come vive la sua vita.

Abito AJISAI

L’abito di LOÏS ritorna ad essere un “bene prezioso” che deve restare nell’armadio per tutta la vita. Ed è altresì comunicazione e manifestazione della propria identità e soprattutto della propria libertà. Come diceva Coco Chanel l’abito deve essere comodo e confortevole, indossabile da mattina a sera, al lavoro, o per un pranzo con le amiche. L’abito deve essere utile e permettere in un solo gesto, di essere eleganti e a proprio agio.

Abito Lorine

Gli abiti della collezione LOÏS grazie alla verve creativa di Matilde Di Pumpo, assumono una valenza polivalente grazie anche all’utilizzo di tessuti che permettono di modularli addosso al corpo.

Tubini, tuniche, minidress e longdress. Tutti legati da un unico fil rouge. Sperimentazione, progettazione e soprattutto utilizzo di tecniche sartoriali.

www.loisminimal.com

Raffaella Manetta