CINZIA GIORGIO E LA STORIA DELLA FAMIGLIA FENDI

CINZIA GIORGIO E LA STORIA DELLA FAMIGLIA FENDI

Il nome Fendi è sinonimo assoluto di moda italiana in qualsiasi Paese del mondo ed oggi ne parliamo con Cinzia Giorgio, autrice di un libro in merito.

 Chi è Cinzia Giorgio e come nasce l’idea di un libro sulla storia della famiglia Fendi?

Sono una ricercatrice che insegna  storia delle donne, scrivo libri e dirigo il periodico online Pink Magazine Italia. Il romanzo  Cinque sorelle nasce dalla convergenza delle mie passioni: scrittura, donne e moda. Narrando di Adele Fendi avevo la possibilità tra l’altro di raccontare una storia fatta di passione, dedizione e coraggio femminile.  

Come sono state raccolte le informazioni storiche?

In archivio, su internet e leggendo tutti i libri usciti sull’argomento. Sia per la storia di Adele che per quella del pittore Godward e di Maddalena. 

Ha conosciuto qualcuno dei loro parenti? Che cosa è emerso di particolare sulla loro storia?

Ho conosciuto l’assistente personale di Anna Fendi e uno dei loro avvocati. Persone splendide e disponibili, con le quali ho avuto modo di interloquire più volte. Ma più di tutto mi ha aiutato il libro di Franca Fendi, toccante e suggestivo.

Chi sono Maddalena e Clelia Splendori e quale ruolo hanno avuto nella storia della famiglia Fendi?

Maddalena e Clelia sono due donne coraggiose e determinate che sono realmente esistite; l’amicizia con Adele è un mero espediente narrativo che mi ha però dato modo di raccontare la storia dell’Italia di quel periodo e della boutique Fendi, da un punto di vista “altro”. 

Come è cambiata la moda italiana grazie a loro? 

Più che di moda, direi piuttosto che grazie alla madre è cambiato il concetto di imprenditoria femminile nel campo della moda. Le sorelle a mio avviso sono state pioniere di un nuovo modo di pensare alle pellicce e hanno offerto a Karl Lagerfeld un contratto freelance a vita, un  unicum per l’epoca. 

Sono previste presentazioni online? 

Sì, il 13 e il 23 aprile alle 18, per ora. 

Quando uscirà il film ispirato al romanzo?

Non dovete chiederlo a me ma alla mia casa editrice! Io, ovviamente, non vedo l’ora!

Francesca Rossetti

Francesca Rossetti

Giornalista iscritta all’albo, attiva nel Sociale e per i diritti umani