BARBARA FABBRONI E IL MONDO DELL’AMORE

BARBARA FABBRONI E IL MONDO DELL’AMORE

Oggi parliamo d’Amore con una grande esperta, Barbara Fabbroni, che ci introduce a questo valore senza tempo oggi di grandissima importanza, soprattutto a causa del periodo che stiamo vivendo.

Chi è Barbara Fabbroni e come nasce la figura del Coach in Love?

Sono una donna in cammino. Curiosa, appassionata, sincera e autentica. La vita non è sempre stata generosa, tuttavia, non mi sono mai arresa, ho cercato sempre nuovi percorsi per poter rinascere e rialzarmi con più forza e determinazione. 

Coach in Love è il mio secondo romanzo, premiato al Festival del Cinema di Taormina. Il coach love è un facilitatore dell’amore, ovvero una figura che si prende cura delle ferite amorose dell’altro, che cerca di stimolare la ricerca dell’anima gemella, che aiuta a superare una separazione, un fallimento affettivo. L’amore è cura non solo di sé ma anche dell’altro da sé. Senza amore la persona avvizzisce nella sua dimensione di solitudine annichilendosi in un mondo senza colore e dimensione.

Di che cosa si occupa e a chi si rivolge?

Sono una psicoterapeuta, saggista e giornalista. La mia vita si suddivide tra la cura dei miei pazienti e la professione giornalistica. La scrittura è stata da sempre una mia passione che mi ha offerto l’opportunità di raccontare il vissuto umano con tutte le sue perturbazioni emotive. 

Diversi Suoi saggi sono dedicati ai bambini: quali loro aspetti vengono analizzati? 

Ho scritto molti saggi, l’infanzia e l’adolescenza sono sempre stati argomenti di studio e approfondimento. Il mondo dei bambini è uno spazio intenso, denso di emozioni, a volte senza nome, altre volte imprevedibile. Nei miei saggi attraverso il loro mondo di dolore e sofferenza, cercando una possibile spiegazione, una modalità per accedere al loro mondo intimo per trovare quello spazio dove poter far attecchire una cura possibile affinché possano uscire dal loro mondo buio.

Il Suo ultimo romanzo è “L’Amore all’improvviso” dal quale è stato tratto l’omonimo film: di che cosa parla?

È una storia d’amore, il racconto di una giovane donna che nonostante tutto cerca di tirare fuori la sua vera natura, di incontrare quella parte di sé che per dovere, famiglia, ingiunzione deve tenere nascosta.

La protagonista è figlia di un nobile avvocato romano, segue le orme del padre che ripone in lei grandi aspettative. Dopo varie esperienze nei più importanti studi legali del mondo, si trasferisce a Londra per una nuova sfida.

Sempre presa dal lavoro e dal desiderio di non deludere il padre, Sveva non aveva mai dato importanza alla sua femminilità e all’amore, finché sulla sua strada appare Benjamin, un giovane affascinante e galante che la corteggia regalandole momenti indimenticabili. Ma proprio quando sembra che l’amore stia sbocciando… una scoperta sconvolgente e lui sparisce nel nulla. Non è ancora riuscita a dimenticarlo, ma è consapevole che Benjamin se n’è andato per sempre. Lanciata verso una nuova vita, tra successi professionali, felici dinamiche familiari ritrovate e una nuova consapevolezza della sua femminilità, Sveva torna a Roma per il Natale dove qualcosa di meraviglioso l’attende… è una sorta di rinascita. Un riscatto dalle catene familiari che l’hanno ingabbiata in una vita non sua.

Sono previste presentazioni online?

Al momento siamo in fase di definizione. Il progetto sia del libro sia del film è molto ampio e interessante,  ci saranno molte iniziative che ancora non sveliamo.

Francesca Rossetti

Francesca Rossetti

Francesca Rossetti

Giornalista iscritta all’albo, attiva nel Sociale e per i diritti umani